Arrivano 1,4 mld per un milione di coltivatori

Pubblichiamo da Repubblica (leggi articolo originale)

ROMA – Buone notizie per gli agricoltori: dalla prossima settimana saranno erogati, a circa un milione di loro, 1,4 miliardi di euro. Il Ministero delle Politiche agricole ha, infatti, deciso di accelerare il pagamento degli anticipi della Domanda Unica 2014 che verrà effettuato da Agea, l’organismo pagatore nazionale, e dagli organismi pagatori regionali entro la prossima settimana: verranno erogati 690 milioni di euro per 716 mila imprese agricole italiane. Altri 100 milioni di euro a 70.000 imprese entro fine novembre.

“Abbiamo voluto dare un sostegno concreto alle aziende – ha dichiarato il Ministro delle politiche agricole, Maurizio Martina – pensando soprattutto di chi è stato danneggiato dall’andamento climatico estivo, in particolare nel settore ortofrutticolo e delle aziende colpite dagli effetti dell’embargo russo e dai fenomeni alluvionali che hanno interessato diverse Regioni del Paese. Entro novembre completeremo l’operazione con altri 100 milioni di euro che verranno versati a 70mila imprese”.

A chiusura dell’esercizio finanziario 2013-2014, Agea ha erogato premi per oltre 4 miliardi di euro riguardanti, per la maggior parte, gli aiuti per la Domanda Unica, le misure per lo Sviluppo Rurale e il Piano di sostegno al settore vitivinicolo. A rendere necessario questo intervento è l’urgenza di tutelare un settore strategico per il Paese come testimoniato dai dati del “Rapporto sullo stato dell’agricoltura”, curato da Inea, che viene presentato il oggi al Ministero delle politiche agricole.

Nel 2013 si conferma il ruolo anticiclico del settore agricolo, visto che ha mostrato una sostanziale stabilità della produzione e una leggera crescita del valore aggiunto agricolo ai prezzi di base (+0,3%). Molto importante il ruolo dell’export agroalimentare che ha toccato quota 33,6 miliardi di euro, record storico.

Credito ad aziende agricole. Nota dolente è rappresentata dall’accesso al credito per le aziende agricole, che negli ultimi 3 anni ha visto una contrazione di circa il 15%. Un punto sul quale il Ministro Martina è intenzionato a intervenire nel Semestre italiano di Presidenza: “Bisogna liberare credito alle imprese del settore agroalimentare, che rappresenta uno dei punti più forti della produzione Made in Italy. Con il Ministero dell’Economia siamo al lavoro per l’attuazione di uno strumento che, attraverso il nostro Istituto Ismea, garantisca tassi agevolati per le imprese agricole. Con Campolibero nella Legge Competitività, poi, abbiamo inserito tre crediti d’imposta al 40% per investimenti in innovazione e reti d’impresa fino a 400mila euro e per e-commerce fino a 50mila euro. Allo stesso tempo stiamo lavorando a Bruxelles, perché è necessario avere strumenti migliori anche per i giovani. Serve una Garanzia ad hoc della Banca europea degli investimenti che possa valere con le banche nazionali e che stimoli la realizzazione di progetti seri e sostenibili di imprese under 40″.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 × = venti uno

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>