Per le assunzioni «congiunte» debutto in agricoltura

Pubblichiamo da Il Sole 24 Ore (leggi articolo originale)

Via alle assunzioni congiunte in agricoltura dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale che definisce le modalità attraverso cui i datori di lavoro potranno procedere alle assunzioni, come previste e regolamentate dal decreto legge 76/2013, che ha sua volta ha modificato l’articolo 31 del decreto legislativo 276/2003.
Era il tassello che mancava per rendere operativa la disposizione che introduce in Italia, anche se limitatamente ad alcuni settori del mondo agricolo, questa figura completamente nuova, esattamente all’opposto del lavoro a coppia , chiamato anche job sharing, che ha una regolamentazione più antica. Nel caso del lavoro a coppia, infatti, un solo datore di lavoro assume più addetti che poi gestiscono in modo autonomo la stessa prestazione lavorativa. Nel caso dell’assunzione congiunta, invece, più datori di lavoro assumono la stessa persona che svolgerà la sua prestazione secondo le esigenze di ciascuno di loro, ma, come sembra, senza una preventiva e precisa ripartizione di tempi dedicati all’uno o all’altro.
La possibilità dell’assunzione congiunta è riservata alle imprese agricole, comprese quelle costituite in forma cooperativa, appartenenti allo stesso gruppo; imprese agricole riconducibili allo stesso proprietario o a soggetti legati tra loro da un vincolo di parentela o di affinità entro il terzo grado; imprese legate da un contratto di rete, quando almeno il 50% di esse sono agricole .
Serviranno ulteriori chiarimenti di tipo amministrativo per la sua gestione. Il decreto ministeriale, che entra in vigore il 10 settembre, si limita a fissare le modalità di comunicazione al centro provinciale per l’impiego, ma bisognerà capire come andrà formulata la lettera di assunzione (una sola o una per ogni datore di lavoro?); come dovrà essere elaborato il Libro unico del lavoro eccetera. La tutela del dipendente però è rafforzata, perché tutti i datori, indipendentemente dalla durata della prestazione resa in favore dell’uno o dell’altro, saranno solidalmente responsabili delle obbligazioni contrattuali, previdenziali e di legge. 
Il decreto predisposto dal ministero individua chi, tra i diversi datori di lavoro dovrà effettuare le comunicazioni di assunzione, proroga, trasformazione, cessazione al centro provinciale per l’impiego. Per le imprese appartenenti allo stesso gruppo e quelle legate tra di loro da un contratto di rete è la capogruppo. Per quelle riconducibili allo stesso proprietario, sarà quest’ultimo, mentre le imprese di persone legate tra loro da un vincolo di parentela o di affinità dovranno individuare tra di loro il soggetto incaricato con un accordo che dovrà poi essere depositato presso le associazioni di categoria.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


1 × = nove

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>