Dakar: donne e ICT rilanciano le zone rurali

Pubblichiamo da Wired (leggi articolo originale)

Il Jjiguene Tech Hub è il primo tech hub di Dakar tutto al femminile, nato con il gruppo “Cyan Girls”, con cui le ragazze fondatrici del centro hanno vinto nel 2011 il premio WCA Imagine Cup, una competizione a livello globale per gli studenti di tutto il mondo e sponsorizzata da Microsoft, con l’obbiettivo di stimolare soluzioni innovative nel campo dell’informatica e della comunicazione in grado di apportare un contributo al raggiungimento degli obbiettivi del Millennio.
“Il progetto si chiama PAGEL (Pêche, Agriculture, Élevage)”, racconta Awa Caba, una delle fondatrici del gruppo, “e rappresenta una piattaforma cloud progettata per fornire delle infrastrutture a sostegno del commercio per contadini e pescatori”. Con il software (SaaS) in combinazione con Windows Azure, i lavoratori e le piccole imprese hanno la possibilità di monitorare i prezzi (e deciderli), individuare mercati per vendere i loro prodotti e ottenere visibilità in tutto il mondo attraverso un sistema di ecommerce.

“Il progetto”, continua la giovane informatica, “si presenta come un contenitore che racchiude diverse iniziative come Soo retul e Yegle, piattaforme SMS e web per tutelare il lavoro degli agricoltori e stimolare il commercio per le donne che producono succhi di frutta e altri prodotti simili nelle zone rurali”.

Sooretul (“non lontano” in italiano), ancora in fase di sviluppo è una piattaforma ecommerce che permetterà alle donne senegalesi che trasformano i prodotti locali in succhi di frutta di avere uno spazio online e ampliare il numero di acquirenti, che in genere è molto ridotto a causa delle limitate possibilità di pubblicizzazione dei prodotti a un livello più ampio di quello locale.

Yegle (informare in italiano), è il nome del progetto che utilizza una piattaforma SMS per ottenere le vere informazioni sui prezzi del mercato per produttori della regione di Kaolack, tramite un sistema di comunicazione che ogni giorno invia un messaggio con i prezzi di tutti i prodotti sul mercato a diversi gruppi di persone, composti da decine o anche centinaia di persone.

Come funziona la piattaforma SMS

La piattaforma utilizzata si chiama EdooSMS, creata in Senegal (ma disponibile anche in Togo) ed è partner del progetto stesso, permettendo la circolazione delle informazioni in un sistema organizzato di input di informazioni reso possibile grazie al lavoro di una persona (rappresentante di una filiera agricola) che ogni due-tre giorni si reca al mercato per scoprire i prezzi e condividerli con tutti gli aderenti al gruppo tramite SMS. Prima dell’introduzione di questo sistema di comunicazione basato sulla tecnologia mobile i contadini gestivano un sistema simile, ma erano costretti ogni giorno a inviare manualmente centinaia di messaggi, sprecando del tempo, risorse e perdendo la possibilità di registrare le informazioni dei messaggi, così come registrare le persone che effettivamente ricevevano il messaggio a causa di una memoria limitata del dispositivo cellulare.

La tecnologia mobile per i contadini

Le ragazze hanno così aggiunto la parte tecnologica a un sistema che esisteva già, permettendo l’invio automatico dei messaggi verso tutte le persone aderenti al gruppo e mettendo a disposizione un sistema in grado di registrare i flussi di informazione, così come le informazioni raccolte volta per volta.

“Avendo compreso le potenzialità”, continua Awa Caba, “dopo questa prima fase di utilizzo della piattaforma, i contadini hanno sentito l’esigenza di implementare una strategia di comunicazione che permettesse di rendere trasparenti i processi di distribuzione di fertilizzanti e pesticidi”. Questi prodotti, infatti, sono spesso donati gratuitamente grazie all’implementazione di progetti di sviluppo nelle zone rurali per conto dell’IFAD, dello Stato o di altre organizzazioni non profit, ma non esiste un sistema che registri le donazioni e certifichi che i prodotti siano veramente stati distribuiti e in che misura. In questo modo, i messaggi fungono da segnalazione e tutte le consegne possono essere registrate, garantendo così processo di trasparenza in grado di registrare tutti i movimenti.

L’applicazione, infine, è stata utilizzata anche per avvisare i produttori riguardo le condizioni metereologiche del giorno dopo, permettendo quindi di pianificare meglio il lavoro nei campi sul lungo termine.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove − = 5

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>