Con la ‘Banca della Terra’ terreni abbandonati trovano ‘padrone’

Pubblicato su Adnkronos (leggi articolo originale)

Firenze, 6 ago. – (Adnkronos) – Contrastare l’abbandono dei terreni e delle produzioni, mantenere e incrementare la produttività dei terreni in abbandono, favorire il ricambio generazionale in agricoltura e creare nuove opportunità di lavoro per i giovani. Sono gli obiettivi della ‘Banca della Terra’, lo strumento creato dalla Regione Toscana per valorizzare il patrimonio agricolo-forestale, di proprietà pubblica e privata, favorendone l’accesso all’utilizzo soprattutto ai giovani agricoltori. Un progetto ambizioso che, a quanto apprende l’Adnkronos dagli uffici regionali dell’assessorato all’Agricoltura, potrebbe essere approvato dalla Giunta entro la fine dell’anno.

La Banca della Terra è stata creata con la legge regionale 80 del 2012, quella che ha istituito l’Ente Terre Regionali Toscane (ente dipendente della Regione con personalità giuridica, autonomia amministrativa e gestionale e patrimonio proprio) il quale ha tra le proprie funzioni anche la gestione della ‘Banca’. Si tratta, sostanzialmente, di un inventario completo e aggiornato dell’offerta dei terreni e delle aziende agricole di proprietà pubblica e privata disponibili per essere immessi sul mercato, o in affitto o in concessione. Comprende anche i terreni agricoli resi temporaneamente disponibili, in quanto incolti, la cui messa a coltura può contribuire ad aumentare i livelli di sicurezza idraulica ed idrogeologica del territorio.

La ‘banca’ è stata creata dalla Regione per vari scopi, volti a valorizzare non solo il lavoro agricolo, soprattutto giovanile, ma anche l’ambiente e il pasaggio toscani, punti di forza di questa regione le cui produzioni agroalimentari sono celebri in tutto il monso.

Non solo con la Banca si intende rafforzare le opportunità occupazionali e di reddito delle aree rurali, creando sinergie con l’imprenditoria privata soprattutto giovanile, ma si vuole anche promuovere il contributo positivo dell’agricoltura e delle foreste all’ambiente e al territorio per la salvaguardia della biodiversità e della tutela del paesaggio; tutelare e mantenere la risorsa forestale anche per prevenire dissesti idrogeologici e difendere le zone e le popolazioni di montagna dalle calamità naturali.

La gestione della ‘banca’ avverrà attraverso il sistema informativo dell’Artea (l’Agenzia regionale toscana per le erogazioni in agricoltura) con la quale è già stata avviata una collaborazione per la realizzazione del portale dedicato alla ‘banca’ che sarà accessibile a tutti gli interessati, sia per la consultazione dei terreni disponibili che per la richiesta di assegnazione. Attraverso il portale si potranno individuare i terreni disponibili, differenziati a seconda della proprietà o della provenienza e suddivisi per aree geografiche.

Spetterà alla Giunta, una volta ricevuta la proposta per il funzionamento della ‘Banca’ da parte del direttore dell’Ente, sentite le organizzazioni professionali agricole e cooperative e le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, disciplinarne il funzionamento con regolamento. La proposta dovrebbe essere presentata alla Giunta il prossimo autunno, con l’obiettivo dell’approvazione entro fine anno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ nove = 18

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>