Mario Catania, Ue chiarisca su misure transitorie 2014

Pubblichiamo da Ansa.it (vedi articolo originale)

l ministro per le politiche agricole e alimentari Mario Catania chiede alla Commissione europea di fare chiarezza sulle misure transitorie proposte per il settore nel 2014 in attesa che le tre istituzioni – Parlamento, Consiglio e Commissione – raggiungano un accordo sulla riforma della Politica agricola comune (Pac).

”Vorrei avere assicurazioni dalla Commissione – ha detto all’Ansa il ministro al suo arrivo oggi a Lussemburgo – sui tempi d’applicazione di tutte le decisioni relative al prossimo periodo di programmazione: dagli aiuti Ue accoppiati (alla produzione ndr) ai giovani agricoltori alla regionalizzazione (dei contributi Ue ndr), che apparentemente sembrano fermi al prossimo primo agosto”, mentre dovrebbero entrare in vigore in seguito. Probabilmente – ha proseguito Catania – ”non si sono accorti che i tempi, come hanno preparato, sono ambigui su questo aspetto: non c’e’ scritto nulla, per questo oggi chiedo un chiarimento. Non penso che sia una questione su cui ci si scontrera’ – ha aggiunto – vorrei che pero’ che fosse chiarito in modo da lasciare un quadro di negoziato su questo voto definito”. Sul fatto poi che si applicano gia’ dal 2014 sia i tagli al bilancio agricolo fissati dal Consiglio europeo che la convergenza degli aiuti Ue tra Stati membri, Catania ha detto: ”il Consiglio agricoltura non puo’ rinegoziare elementi decisi dal vertice Ue, mentre sulla convergenza degli aiuti l’impatto sara’ modestissimo, per l’Italia estremamente limitato. Si comincera’ ad avvertire dal 2015”. La Commissione europea, dal canto suo, ha dato assicurazioni al ministro sulla data entro la quale uno Stato membro puo’ fare le proprie scelte in relazione alla nuova programmazione nel settore agricolo. Data importante, che implica decisioni come distribuire gli aiuti Ue ai produttori italiani.

Catania infatti ha fatto notare alla Commissione che, ”in base alla vecchia proposta di riforma quelle decisioni devono essere prese entro primo agosto 2013”. E dal momento – ha aggiunto – ”che quella norma non e’ stata modificata nella proposta di regolamento per le misure transitorie, paradossalmente noi dovremo scegliere entro il prossimo primo agosto su una serie di interventi che riguardano il 2015 e gli anni seguenti”.

Il commissario all’agricoltura Dacian Ciolos ha assicurato il ministro ”che la risposta si trova gia’ nell’insieme dei testi e che la situazione sara’ piu’ chiara in occasione di uno specifico gruppo di lavoro”. Per entrare in vigore il regolamento agricolo sulle misure transitorie 2014, proposto in attesa di un accordo sulla riforma della Pac, deve ottenere il via libera del Consiglio dei ministri e del Parlamento europeo.

L’approvazione e’ prevista per fine ottobre

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ quattro = 11

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>