Vittoria: durante lo sciopero della fame si raccolgono le firme da inviare

Pubblichiamo da Il Giornale di Ragusa (vedi articolo originale)

VITTORIA (RG) – Sciopero della fame per l’agricoltura. Gaetano Malannino, Tonino Messinese e Maurizio Ciaculli da questa mattina hanno attuato un presidio permanente in piazza Sei Martiri, meglio nota come piazza Calvario. Un bachetto, le bandiere davanti al tempietto del “Golgota” e poi una serra che si sta allestendo, insieme ad una tenda e che ospiuterà, anche nei prossimi giorni, la protesta.

Molti coloro che si fermano per chiedere notizie e per portare la loro solidarietà. Ad un certo punto, arrivano anche alcuni esponenti del movimentgo “Cinque Stelle”. Sono giovani, si informano, chiedono di saperne di più.

La piattaforma di rivendicazioni è lunga e dettagliata. parte da lontano e dalle battaglie che L?Altra Agricoltura ha avviato anche negli anni scorsi. Chiedono “un piano di risanamento finanziario delle aziende agricole produttive in crisi, da contrattare con l’Unione Europea, delle azioni forti per far recuperare ai produttori siciliani quote di valore aggiunto finora sottratto dai grandi operatori commerciali, la ridefinizione del prossimo PSR per il rilancio della funzione sociale dell’agricoltura, rimettendo al centro il lavoro, la tutela del territorio ed il diritto ad un cibo sano per i cittadini, una riorganizzazione degli uffici regionali per improntarli alla trasparenza ed all’efficacia, ri-orientandoli alla capacità di garantire servizi alle imprese”.

“GIà domani – spiega Malannino – il coordinatore nazionale Gianni Fabbris, sarà ricevuto dal presidente della commissione Agricoltura del Senato, Scarpa Bonazza. Noi non ci feremeremo, questa volta qualcuno si farà male, molto male. Se qualcuno di noi non riuscirà a resistere, un altro prenderà il suo posto”.

Intanto, davanti ai cancelli del mercato ortofrutticolo va avanti la raccolta firme per chiedere gli interventi del governo regionale contro la crisi. le firme raccolte saranno portate al presoidente Rosario Crocetta. I promotori sono Rosario Rinaudo, Vincenzo Ruta, Raffaele Giunta, Peppe Amodei, Lucio Pinetti. Anche qui si contesta l’accordo euro-marocchino che sta affossando l’economia agricola siciliana.

Agricoltura in crisi: raccolta firme dei produttori e appello a Rosario Crocetta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 4 = sette

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>